Ristorazione collettiva: 7 soluzioni contro lo spreco

Ristorazione collettiva: 7 soluzioni contro lo spreco

Sapevi che il sistema alimentare genera il 28% dell'impronta ecologica dell’intera Svizzera?

Un quarto di questi scarti è dovuto a perdite alimentari evitabili, che il Consiglio Federale vuole ridurre della metà entro il 2030 attraverso il piano d'azione contro lo spreco alimentare.

Per farlo, è necessario che anche la ristorazione collettiva faccia la sua parte.

Andiamo a vedere come!

Come ridurre lo spreco alimentare nella ristorazione collettiva

1. Diminuire il consumo di proteine animali

Il 53% delle emissioni di gas serra nel settore alimentare proviene dagli animali.

Un consumo ridotto di carne, quindi, può fare davvero la differenza: una dieta “semi-vegetariana”, infatti, riduce di un quinto l’inquinamento prodotto dalla nostra alimentazione.

2. Sensibilizzare la comunità

Un'altra soluzione contro lo spreco alimentare è quella della sensibilizzazione.

Le mense aziendali e quelle scolastiche – con l’aiuto dell’Ente Pubblico – dovrebbero infatti:

  • Privilegiare la produzione agricola locale e biologica, creando menù sani, stagionali e a basso impatto ambientale;
  • Fornire un’adeguata informazione ai cittadini e agli studenti, attraverso campagne di sensibilizzazione e programmi educativi.

3. Optare per prodotti stagionali e a km 0

In quanto alla composizione dei menù, il modo migliore per ridurre gli sprechi è quello di differenziare i piatti in base alle diverse stagioni dell’anno, così da:

Clicca sul link per scoprire perché scegliere prodotti a km 0 può fare la differenza!

4. Monitorare gli sprechi in modo mirato

In Svizzera esistono sistemi di monitoraggio dei rifiuti supportati dall’intelligenza artificiale che vengono già utilizzati in numerosi hotel e ristoranti per mappare lo spreco alimentare.

Parliamo di sistemi che tracciano un profilo dettagliato – in tempo reale – di quanti scarti genera ogni pasto e di quali cibi vengono gettati più frequentemente, permettendo di intervenire in modo mirato per ridurre gli sprechi.

5. Ottimizzare i menù

Monitorare gli scarti significa anche poter migliorare i menù – e, di conseguenza, ridurne gli sprechi – in quanto ci aiuta a:

  • Acquistare solo le giuste materie prime;
  • Conoscere le preferenze dei commensali;
  • Creare piatti più efficaci, gustosi e apprezzati.

6. Formare il personale

Inoltre, la formazione del personale e gli incentivi per incoraggiare la riduzione degli sprechi sono altrettanto essenziali. Alcuni consigli, a tal proposito, sono quelli di:

  • Incentivare la collaborazione tra chef e nutrizionisti;
  • Promuovere il riciclo degli avanzi;
  • Realizzare porzioni di diverse dimensioni.

7. Affidarsi al giusto servizio di ristorazione collettiva

Infine, vi consigliamo di rivolgervi a un servizio di mensa esperto – come noi di 1908 – che metta a disposizione un team di catering abituato a rispondere alle esigenze tipiche della ristorazione collettiva.

In questo modo, sarete certi di garantire un servizio su misura, dalla scelta dei pasti via app, fino alla gestione completa della mensa.



Vorresti saperne di più su come organizzare una mensa aziendale o scolastica gustosa e sostenibile? Contattaci subito per garantire sempre pasti sani ed equilibrati - attraverso un servizio catering di alto livello made in Ticino.

Tu lo sogni, noi lo realizziamo!

SCOPRI DI PIÙ

Ristorazione ospedaliera: 7 consigli per un menù equilibrato e gustoso

< PRECEDENTE

Case per anziani: come creare un menù sano e gustoso

SUCCESSIVO >

Iscriviti alla newsletter

Non perdere l'occasione di scoprire novità e consigli per rendere i tuoi eventi futuri sempre migliori.

Clicca sulla casella "Non sono un robot"

* Campi obbligatori

Non perdere l'occasione di scoprire novità e consigli per rendere i tuoi eventi futuri sempre migliori.

Case per anziani: come creare un menù sano e gustoso

Case per anziani: come creare un menù sano e gustoso

Leggi di più